Igiene - Lezione 4 - Prevenzione malattie non trasmissibili Flashcards Preview

Igiene e Sanità Pubblica > Igiene - Lezione 4 - Prevenzione malattie non trasmissibili > Flashcards

Flashcards in Igiene - Lezione 4 - Prevenzione malattie non trasmissibili Deck (37):
1

Di cosa si occupa la prevenzione?

Di trovare gli strumenti adatti a diminuire o annullare l'insorgenza di malattia nella popolazione, tramite interventi sulla popolazione e sull'ambiente di vita e di lavoro.

2

Quanti livelli di prevenzione esitono?

Tre: prevenzione primaria, secondaria e terziaria.

3

Di cosa si occupa la prevenzione primaria?

Di ridurre la comparsa di nuovi casi di malattia (riduzione dell'incidenza).

Agisce sui "sani". Consiste nella promozione della salute e nell'adozione di specifiche protezioni (misure preventive).

4

Di cosa si occupa la prevenzione secondaria?

Di ridurre la progressione della malattia.

Agisce sui pazienti con malattia (latente), pre-clinica. Consiste nella diagnosi precoce e nel trattamento.

Agisce a livello di "guarigione", ma anche di riduzione della letalità, nel qual caso può aumentare la prevalenza.

5

Di cosa si occupa la prevenzione terziaria?

Di ridurre la gravità e le complicanze di malattie che non possono essere guarite.

Agisce sui malati sintomatici. Agisce sulla letalità, per cui causa un aumento della prevalenza.

6

Quali i tre obbiettivi della prevenzione a livello di collettività?

1) Controllo: riduzione dei casi di malattia.

2) Eliminazione: assenza di nuovi casi di malattia.

3) Eradicazione: rimozione definitiva della causa.

7

Metodologia della prevenzione primaria, se non c'è una causa unica e nota della malattia?

Counseling genetico

Potenziamento delle difese organiche

Rimozione di comportamenti negativi

Induzione di comportamenti positivi

Interventi sull’ambiente di vita e di lavoro

8

Qual è il target della modifica dei comportamenti a rischio?

L'individuo

9

Tramite quali interventi si possono modificare i comportamenti a rischio?

Leggi (es. obbligo di cinture)

Tecniche pubblicitarie (es. pubblicità progresso)

Educazione sanitaria (informazioni, motivazioni, servizi, sostegno e pressione sociale)

10

Qual è il target degli interventi sull'ambiente?

L'impegno pubblico

11

Quali tipi di screening ci sono?

Selettivo oppure di massa.

12

A chi è rivolto lo screening selettivo?

Agli individui apparentemente sani, ma appartenenti ad una categoria a rischio elevato di ammalare.

13

A chi è rivolto lo screening di massa?

A tutta la popolazione esposta al rischio.

14

Quando si applica lo screening di massa?

Quando l'incidenza di malattia è elevata, o quando la malattia è rara, ma la diagnosi tardiva implica grave danno (es. PKU).

15

Quali sono le differenze tra u test di screening e un test diagnostico?

Applicato a apparentemete sani vs. soggetti sintomatici

Gruppi vs. singoli

Meno vs. più preciso e costoso

Non costituisce vs. costituisce la base per il trattamento

Il test di screening NON ha lo scopo di porre una diagnosi.

16

Caratteristiche di un buon test di screening?

Rapido
Sicuro
Poco costoso
Bene accetto
Sensibile
Specifico

17

Cos'è l'affidabilità di un test di screening?

capacità di offrire lo stesso risultato in misurazioni ripetute

18

Cos'è la validità di un test di screening?

capacità di distinguere i soggetti sani da quelli malati

19

Sensibilità

Capacità del test di individuare come positivi i soggetti malati

Sn = VP / tot M+

20

Specificità

Capacità di individuare come negativi i soggetti sani.

Sp = VN / totM-

21

Valore predittivo positivo

Probabilità che un soggetto positivo al test sia effettivamente malato

22

Valore predittivo negativo

Probabilità che un soggetto negativo al test sia effettivamente sano

23

Predittività

Non è una caratteristica intrinseca del test, come Sn e Sp, ma dipende dalla prevalenza. Per aumentare la predittività quindi bisogna selezionare la popolazione da sottoporre al test.

24

Cos'è un test di conferma?

Un test più specifico, e con elevata predittività, a cui sono avviati i soggetti positivi al test di screening.

25

Come si valuta se un programma di screening è efficace?

Si valuta la riduzione della mortalità, attribuibile al test, nella popolazione oggetto dello screening, ovvero si calcola il SMR (Tasso standardizzato di mortalità).

26

Formula del SMR

SMR = (Morti osservate - morti attese)/Morti attese

Se SMR < 1 vuol dire che c'è un deficit di mortalità.

27

Quali sono gli screening oncologici in Italia?

1) Screening del tumore alla mammella

2) Screening del tumore della cervice uterina

3) Screening del tumore del colon retto

28

Caratteristiche dello screening del tumore alla mammella

Rivolto alle donne 50-69 anni, tramite mammografia ogni 2 anni. Riduce del 40% il rischio di morte per k mammario.

Nel 2015 sono stati spediti 3,1 mln di inviti, con una copertura dell'80%.

29

Caratteristiche dello screening del tumore della cervice uterina.

Donne 25-64 anni, tramite pap test ogni 3 anni. Riduce del 60% il rischio di morte per k cervicale.

Nel 2015 sono stati spediti 5 mln di inviti, con una copertura del 70%.

30

Caratteristiche dello screening del tumore del CCR

uomini e donne 50-69, tramite SOF ogni 2 anni. Riduce del 20% l'incidenza e del 40% il rischio di morte.

Nel 2015 sono stati spediti 4 mln di inviti, con una copertura del 70%.

31

Quali sono, per la società, i vantaggi dello screening di popolazione?

Razionalizzazione dell’offerta di servizi sulla base dell’effettivo bisogno della popolazione, secondo principi di universalità ed equità

Ottimizzazione dei percorsi sanitari e dei protocolli diagnostico-terapeutici

Miglior rapporto costi/benefici e costi/efficacia rispetto al ricorso spontaneo al test

Riduzione dei costi sanitari conseguenti al trattamento di malattia in fase precoce

32

Quali sono, per l'individuo, i vantaggi dello screening di popolazione?

Riduzione della mortalità

Migliore qualità della vita dei malati, grazie al trattamento precoce

Rassicurazione dei veri negativi

33

Quali sono, per la società, gli svantaggi dello screening di popolazione?

Impegno di risorse
considerevole per un beneficio limitato a un numero relativamente piccolo di individui

Impegno organizzativo per la messa in opera del
programma e per il monitoraggio degli indicatori di processo e di esito

34

Quali sono, per l'individuo, gli svantaggi dello screening di popolazione?

Possibile danno per i soggetti non affetti dalla malattia che si
sottopongono al test (VN), per i soggetti non affetti dalla malattia
positivi al test (FP) e per i soggetti affetti dalla malattia negativi al test (FN)

Trattamento inadeguato (undertreatment/overtreatment) per i casi positivi al test e affetti dalla malattia (VP)

Trattamento inefficace nel modificare la storia naturale della malattia in soggetti malati, individuati con il test di screening

35

Qual è lo scopo della prevenzione terziaria?

Limitare la progressione della malattia, aumentare la
sopravvivenza, migliorare la qualità della vita, favorire il reinserimento sociale

36

Qual è la metodologia usata dalla prevenzione terziaria?

1) Limitazione della disabilità, mediante:
Terapia
Modificazione dei fattori di rischio
Prevenzione allo stadio sintomatico

2) Riabilitazione, mediante programmi individualizzati

37

Requisiti di un programma di screening?

Elevata prevalenza della malattia
Malattia grave, tale da giustificare gli sforzi
Disponibilità di metodiche di screening:
semplici
poco costose
ben accette
sensibili
specifiche