Igiene - Lezione 1 Flashcards Preview

Igiene e Sanità Pubblica > Igiene - Lezione 1 > Flashcards

Flashcards in Igiene - Lezione 1 Deck (35):
1

Notifica di malattie infettive: per quante malattie è obbligatoria? Chi la stila? A chi la trasmette? Quali informazioni riporta?

Obbligatoria per 47 malattie, in 5 classi.

Il medico che fa la diagnosi fa la segnalazione all'ATS o Direzione Sanitaria, mediante un flusso informativo.

Dati:
malattia accertata/sospetta
data di comparsa
dati del paziente
eventuale accertamento dg

2

Cosa è indicato nella Notifica delle cause di Morte? Da chi è stilata? Come è trasmessa?

Il medico certificatore indica:
- causa iniziale
- causa intermedia / complicanze
- causa terminale
- altri stati morbosi

Medico -> comune -> ATS -> Regione e ISTAT, da ISTAT va a WHO.

3

Utilità e impieghi della notifica di cause di morte

- Identificare principali cause di morte nella popolazione
- Confronto tra Paesi e regioni
- Disegnare l'andamento temporale di particolari patologie

4

Utilità e impieghi della notifica di Malattie Infettive

Aggiornamento statistico-epidemiologico sulla frequenza e distribuzione delle malattie infettive sul territorio nazionale

Identificazione di situazioni particolari: brusco aumento di incidenza, emergenza nuove infezioni...

5

Quali informazioni sono riportate nella SDO? Come sono codificate le diagnosi?

Motivazione ricovero: diagnosi principale e secondarie alla dimissione

Intervento terapeutico/chirurgico eseguito

Tipo di ricovero e durata

Le diagnosi e procedure diagnostiche sono codificate secondo la classificazione ICD-9-CM

6

Utilità e impieghi della SDO

Quadro epidemiologico per le malattie che richiedono ricovero

Dati per attività di programmazione sanitaria, monitoraggio erogazione assistenziale/ospedaliera...

7

Cos'è il IDC 9 CM? A cosa serve?

"International Classification of Diseases"
Sistema di classificazione in cui malattie e traumatismi sono ordinate in gruppi correlati. Ad ogni termine attribuisce un codice alfanumerico.

Consente la registrazione sistematica di mortalità e morbosità.

8

Cos'è il DRG?

Sistema di classificazione dei pazienti dimessi dagli ospedali in gruppi omogenei per assorbimento di risorse impegnate (isorisorse).
Permette di qualificare economicamente l'assorbimento di risorse, e quindi remunerare gli episodi di ricovero.

9

Funzioni del DRG

- Classificare i ricoveri ospedalieri
- Classificare le tariffe di rimborso per gli ospedali
- COntrollare e contenere la spesa sanitaria

10

Dalla cartella al DRG

Cartella: diagnosi e procedure
SDO
Algoritmo software grouper
DRG

11

A cosa servono i registri di patologia?

Ad integrare tutte le conoscenze disponibili relative ad alcune patologie.
I dati provengono da più fonti.

12

Esempi di registri di patologia

Registro tumori
Registro nazionale m. cerebrovascolari
MONICA: m. cerebrovascolari
Malformazioni congenite
Pazienti in dialisi e trapianto renale

13

Quando è stato introdotto in Italia il DRG?

1995

14

Quando sono stati istituiti in Italia i registri tumori?

Anni '70. Il primo è di Varese (1976), poi Parma ('76) e Ragusa (1980).

15

Quali fonti usano i registri tumori?

Cartelle cliniche
SDO
Archivi di AP
Certificati di morte

16

Informazioni inserite nei Registri tumori

Dati anagrafici
Tipo di tumore: sede, morfologia, comportamento
Informazioni cliniche
Dati epidemiologici

17

Obbiettivi dei Registri Tumori

Monitorare epidemiologia (e sopravvivenza)
Valutare efficacia programmi screening
Valutare impatto fattori ambientali e sociali sul rischio di tumore
Sostenere indagini sulle cause di tumori

18

Quanti registri tumori abbiamo in Italia? Quanti soggetti sono seguiti?

43 registri: 38 di popolazione, 5 specializzati, che seguono 33 milioni di Italiani, cioè il 57% della popolazione totale.

19

Quali sono le fonti demografiche?

Anagrafe
Censimento
Piramide delle età

20

Anagrafe

Registro della popolazione

21

Chi mantiene l'anagrafe?

Ogni Comune

22

Obbiettivo dell'anagrafe

Documentare la situazione numerica degli abitanti residenti / ex-residenti. Ha una stretta relazione con lo stato civile (nascite,morti,matrimoni, divorzi, naturalizzazioni, adozioni, ...)

23

Con quali modalità sono effettuati i censimenti? Quali informazioni vengono raccolte?

Somministrazione di un questionario, destinato a tutti i residenti.

Raccoglie informazioni riguardo a:
abitazione
componenti della famiglia
altri conviventi

24

Piramide delle età

Rappresentazione della distribuzione della popolazione di un Paese, regione... in base a sesso ed età, in riferimento ad un arco temporale.

25

Indicatori- ECHI

Gli Indicatori di Salute (HI) sono gruppi di dati sullo stato di salute, determinanti e assistenza nei vari Paesi. Permettono di monitorare e comparare, e servono come base per progettare politiche.

26

Tipi di indicatori di salute

Demografici e socio-econoimci
Indicatori dello stato di salute: mortalità, morbosità, disabilità
Determinanti di salute: RFs e stile di vita
Indicatori dei servizi sanitari e promozione della salute

27

Indice di vecchiaia

Rapporto tra la percentuale di over 65 fratto under 15.
Misura il livello di invecchiamento della popolazione.

28

Tasso di crescita naturale

Rapporto tra il saldo naturale e l'ammontare medio della popolazione residente, per mille.
[(nati vivi - morti) / popolazione tot media ]*1000

29

Speranza di vita alla nascita

Numero medio di anni che restano da vivere a un neonato, nell'ipotesi che sperimenti nella sua vita futura i rischi di morte rilevati nell'anno di riferimento.
Calcolata per uomini e donne.

30

Tasso di fecondità totale

Numero medio di figli per donna feconda (15-49 anni)

31

Tassi di mortalità standardizzati

Consentono di confrontare i livelli di mortalità nel tempo e nello spazio, confrontando l'effetto delle differenze di struttura per età delle popolazioni.

32

Tasso di mortalità infantile

Decessi tra i bambini < 12 mesi / nati vivi

33

Indice di dipendenza

(Popolazione 0-14 + popolazione > 65)/popolazione (15-64)

34

Tasso di mortalità neonatale

morti < 4 settimane / nati vivi in quell'anno

Precoce < 1 settimana
Tardiva 2-4 settimana
Post neonatale 5 s - 12m

35

Percentuale di anziani

(Over 65 / popolazione totale) *100