Igiene - Lezione 10 - Vaccini Flashcards Preview

Igiene e Sanità Pubblica > Igiene - Lezione 10 - Vaccini > Flashcards

Flashcards in Igiene - Lezione 10 - Vaccini Deck (41):
1

Quali tecnologie esistono per lo sviluppo dei vaccini?

1) Approccio empirico (es. BCG)

2) DNA ricombinante

3) Glicoconiugazione

4) Vaccinologia inversa

5) Next generation

2

Quali vaccini si basano sull'approccio empirico?

BCG, difterite, influenza, MMRV, pertosse, polio, rabbia, vaiolo, tetano

3

Quali vaccini si basano sull'approccio del DNA ricombinante?

Pertosse (acellulare)
Epatite B
HPV
Malattia di Lyme

4

Quali vaccini si basano sull'approccio della glicoconiugazione?

Streptococco B
H. influenza tipo B
Meningococco (A, C, Y, W135)
Pneumococco
S. aureus

5

Quali vaccini si basano sull'approccio della vaccinologia inversa?

C. difficile
E. coli
Streptococco gruppo A e B
Meningococco (B)
S. aureus

6

Quali vaccini si basano sull'approccio next generation?

Neoadiuvanti
Vaccinologia strutturale
Biologia di sintesi
DNA e RNA

7

Che tipo di investimento sono le vaccinazioni?

A lungo termine in relazione alla popolazione pediatrica, medio-lungo per gli adolescenti, breve per gli adulti e anziani

8

Perché è importante l'adolescenza per le vaccinazioni?

L'adolescenza è importante per:
- richiami
- nuove vaccinazioni (es. HPV)

9

Quali vaccinazioni sono raccomandate agli adolescenti?

Immunizzazione contro difterite, tetano, pertosse e
poliomielite

Verifica dello stato vaccinale per morbillo, parotite e rosolia (iniziare o completare cicli vaccinali incompleti)

Vaccinazione anti-varicella nei soggetti anamnesticamente
negativi per la malattia e non precedentemente vaccinati

Vaccinazione anti-HPV a tutta la popolazione (femmine e
maschi)

Vaccino anti-meningococcico quadrivalente ACYW135: sia a chi ha già ricevuto una dose C sia ai mai vaccinati

Vaccinazione influenzale stagionale e contro pneumococco
e anti-epatite A (soggetti a rischio)

10

L'aumento di quali fattori influisce sulle attitudini degli adolescenti

Aumento di: indipendenza, comportamenti a rischio e pensiero concreto

11

La diminuzione di quali fattori influisce sulle attitudini degli adolescenti

Influenza genitoriale, preoccupazioni di salute e orientamento al futuro

12

Come si possono raggiungere gli adolescenti?

Campagne di promozione mirate al gruppo di cui fanno parte (es. scuola, luoghi di svago)

Informazioni adeguate e presentate con linguaggio accattivante

Puntare sull’assunzione di responsabilità personale

13

Perché vaccinare gli adulti?

Potrebbero non avere ricevuto i vaccini nell’infanzia

Nuovi vaccini si sono resi disponibili nel tempo

L’immunità può decadere

Gli anziani e/o i malati cronici possono essere
più suscettibili alle malattie prevenibili mediante vaccino

(Sopra i 50 anni aumenta la suscettibilità alle complicazioni delle patologie infettive vaccino-prevenibili)

14

Chi deve essere vaccinato?

In tutti gli adulti, verificare varicella, MPR e Tdpa, oltre alla dose di vaccino influenzale.

Gruppi a rischio:
Esposizione parenterale sul lavoro
Over 50
Malati cronici
Donne in età fertile

15

Quali vaccini somministrare negli adulti, e con quale cadenza?

D-T-P ogni 10 anni

MPR e V

Vaccinazione anti-influenzale per soggetti a rischio

Vaccinazione contro epatite A, una dose di vaccino
quadrivalente meningococcico e pneumococco per le
situazioni di rischio (stile di vita, professione).

Vaccinazione contro Herpes zoster nei soggetti a rischio a partire dai 50 anni di età

16

Quali vaccinazioni e con quale cadenza per le donne in età fertile?

Under 25: anti-HPV

MPR in previsione di gravidanza

DTPa durante la gravidanza

Nel 2°-3° trimestre: influenza (secondo stagione)

17

Cosa si raccomanda riguardo alla vaccinazione anti-tetano negli adulti?

Si raccomanda ogni 10 anni una dose di richiamo dTpa, anche nei soggetti non vaccinati in precedenza contro la pertosse.

18

Cos'è la cocoon strategy?

Il rivaccinare contro la pertosse tutti i familiari che abbiano stretto contatto con un lattante, preferibilmente nei mesi che precedono il parto.

19

A chi è raccomandata la vaccinazione MPR (adulti)?

A tutti gli adulti non immuni anche per una sola delle tre malattie. Particolare attenzione alle donne in età fertile (rosolia).

Vaccinazione attiva e gratuita.

20

A chi sono rivolti i programmi specifici di vaccinazione MPR?

Puerpere e donne che hanno effettuato una
interruzione di gravidanza senza evidenza sierologica di immunità o documentata
vaccinazione;

Tutte le donne suscettibili esposte a elevato rischio professionale (scuole);

Personale suscettibile esposto a rischio professionale

Tutti gli operatori sanitari suscettibili

21

Chi deve essere vaccinato contro la varicella?

Le persone suscettibili, che vivono con persone immunodepresse

Le persone senza precedenti di varicella con patologie ad elevato rischio

Le donne in età fertile senza precedenti di varicella

Le persone suscettibili che lavorano in ambiente sanitario.

I lavoratori suscettibili che operano nei seguenti ambienti: asili nido, scuole materne, scuole primarie, scuole secondarie.

22

Quali vaccinazioni sono consigliate agli operatori sanitari?

HBV
influenza
MPR
varicella
pertosse

23

A cosa serve vaccinare gli operatori sanitari?

A proteggere gli operatori e ancora di più i pazienti.

24

E gli studenti?

Agli studenti dei CdL di area sanitaria sono fortemente raccomandate le stesse vaccinazioni indicate per gli operatori sanitari.

25

Quali caratteristiche ha la popolazione anziana in relazione alle patologie vaccino-prevenibili?

Gli anziani, a causa dell'immunosenescenza, sono più suscettibili alle infezioni, alle infezioni opportunistiche e alle infezioni croniche ri-emergenti (es. zoster).

26

Come varia l'efficacia dei vaccini negli anziani?

L'efficacia dei vaccini è ridotta nella popolazione anziana.

Le comorbidità e le terapie sono fattori confondenti riguardo all'efficacia dei vaccini nell'anziano, come anche i fattori nutrizionali.

27

Come si può superare l'ostacolo posto dall'immunosenescenza?

Dose di antigene aumentata
Vaccini adiuvati
Immunizzare gli adulti prima dell'immunosenescenza
Vie alternative di immunizzazione

28

Quali vaccinazioni sono raccomandate negli over 65?

Anti-influenzale
Anti-pneumococco coniugato + una dose di vaccino polisaccaridico
Herpes zoster
Meningococco, epatite A o B nei soggetti a rischio

29

Qual è il serbatoio dello pneumococco?

Portatori faringei e pazienti

30

Come si trasmette lo pneumococco?

Per via aerea

31

Quali condizioni predispongono all'infezione da pneumococco?

Età
Immunodepressione
Asplenia
Alcolismo

32

Quali patologie sono causate dallo pneumococco?

Invasive:
meningite
batteriemia

Non invasive:
polmonite
otite media acuta
sinusite

33

Quali sono i principali patogeni responsabili di patologie batteriche invasive?

S. pneumoniae (78%)
N. meningitidis (15%)
H. influenzae (7%)

34

Quali sono le patologie batteriche invasive?

Meningite
Batteriemia

35

Quali fattori aumentano il rischio di patologia pneumococcica?

Età: < 2 e > 50 anni

Immunocompromissione (diabete, immunodeficienza, trapianto, terapia immunosoppressiva)

Condizioni cliniche organo correlate (asplenia, patologie cardiache, polmonari, epatiche, renali croniche, trapianto, perdita di liquor)

Stili di vita: alcool, fumo

Impianto cocleare

Condizioni di vita: lungodegenze, cura di bambini fuori casa

36

A chi deve essere offerta la vaccinazione anti-pneumococco?

La vaccinazione anti-pneumococco deve essere offerta attivamente nell'anziano, con vaccino pneumococcico coniugato (PCV, 13valente) + dose di vaccino polisaccaridico (PPV, 23valente).

37

Cosa succede se si somministra prima il vaccino anti-pneumococco polisaccaridico?

Questo comporta una minore risposta immune.

38

Cos'è Zostavax?

E' il vaccino anti-VZV.

39

Che tipo di vaccino è quello contro l'herpes zoster?

Il vaccino contiene VXV ceppo Oka/Merek vivo attenuato.

40

Quali sono le indicazioni di Zostavax?

La prevezione dell'herpes zoster e della nevralgia posterpetica associata da herpes zoster.

41

Posologia del vaccino contro zoster?

Singola dose. Non è nota la necessità di una dose di richiamo.